JIMMY BENNETT SHOCK, ” SI, ASIA ARGENTO MI HA VIOLENTATO” SCOPPIA IL CASO SU LA7-

Author

Categories

Share

Alle ore 22.35  che  Jimmy Bennett fa il suo ingresso negli studi televisivi di La7 ospite di Massimo Massimo Giletti  a “Non è L’Arena” nella puntata di Sabato 23 settembre, dopo le immagini dietro le quinte, rilanciate dal conduttore più volte per creare suspense per cercare di non far cambiare canale ai telespettatori,  la trasmissione era iniziata con un’intervista a Matteo Salvini leader della Lega e Vice Premier,  ed  era proseguita con uno scontro sul tema dei vitalizi  con le varie posizioni dei suoi  ospiti in studio ( argomento trattato dal conduttore su Rai1 all’Arena fino al 2017), tra gli ospiti una splendida Myrta Merlino e l’Avvocato Panis ex parlamentare e molti altri con una clip di un’intervista a Cirino Pomicino ex leader della Dc.

Giletti per cercare di mantenere lo share  accettabile, si gioca la carta Bennett  nell’ultima parte della trasmissione, escono dalla studio gli ospiti ed entra l’attore, accompagnato dal suo avvocato che ai  microfoni dopo aver raccontato i suoi trascorsi, l’incontro  sul set con Harrison Ford,  prende la parola l’Avvocato dell’attore che parla dei guadagni dell’attore  prima del fattaccio,  alla domanda se fosse stata l’Argento a sceglierlo nel film, il Bennett non ricorda ma  invece si ricorda che l’attrice aveva all’epoca una figlia più o meno della stessa età,  cala il silenzio in studio quando Giletti entra nel clou della puntata, alle 23.10 e cambia passo, il conduttore legge i post dell’epoca di Asia Argento e li commenta in studio insieme al Bennett, dopo aver parlato delle  foto pubblicate sui social dell’epoca, pubblicate da Asia, alle 23.20 si parla del rapporto sessuale, ma poco dopo l’attore  dichiara:“Sì Asia mi ha violentato, è stato un rapporto completo”. L’attore americano senza mezzi termini conferma le accuse su  Asia Argento di averlo molestato sessualmente quando era minorenne, ospite in esclusiva mondiale  e  continua: “C’è una perfetta corrispondenza tra lo schema Asia e lo schema Weinstein. Anche Asia – dice – ha abusato del proprio potere”, dice tra l’altro Bennett nell’intervista.

Alla domanda di Massimo Giletti sul rapporto con l’Argento, Bennett risponde: ” la chiamavo mamma”, continua il racconto e dice: “sul set di Ingannevole è il cuore più di ogni cosa” (film del 2004 )  Asia era come una seconda mamma, questo è il sentimento che ci ha legato sin dal primo giorno. Il nostro rapporto è sempre stato molto ravvicinato e il legame tra me e lei era speciale. Asia era molto concentrata sul film e voleva incarnare il rapporto madre e figlio in modo che fosse più realistico possibile, ma sembrava andasse oltre l’aspetto professionale”. “Dopo il film del 2004 – spiega ancora Bennett – il nostro rapporto è continuato via sms, via mail, ma non l’ho più vista. Non c’è mai stato un altro incontro faccia a faccia per dieci anni. L’ho tenuta aggiornata sulla mia attività e lei si sentiva anche con mia mamma”. Inoltre  fu Asia, nel 2013, a propormi l’incontro via Twitter e poi con mail private abbiamo stabilito di incontrarci. Non ero sorpreso, sapevo che prima o poi ci saremmo incontrati ed ero contento di vederla. Mi parlava di un film italiano al quale lei volesse che partecipassi. Ricordo però che mi sentivo un po’ strano. Asia continuava a inviarmi delle foto e dei bigliettini che scriveva nella sua stanza di hotel. Per me c’è sempre stata una barriera culturale, non sapevo se il suo atteggiamento fosse una maniera di mostrare affetto e quindi non sapevo cosa aspettarmi. Per me – dice ancora Bennett – era come incontrare una amica”.

Naturalmente se mai ci sarà un processo, il posto più consono è il tribunale per i giudizi qualora le accuse trovassero riscontro, solo la magistratura è deputata a tale compito.

 

Fontal

Author

Share